Pubblichiamo qui di seguito un articolo a firma di Francesco Crestani, dottore specialista in anestesia e rianimazione, nonché presidente di ACT, Associazione Cannabis Terapeutica.

E’ appena uscita una nuova revisione sistematica sull’efficacia della cannabis terapeutica contro il dolore, curata da due dei maggiori esperti mondiali di cannabinoidi.

Il primo autore, Lynch, ne aveva scritta un’altra nel 2011 (Cannabinoids for treatment of chronic non-cancer pain; a systematic review of randomized trials. Lynch ME, Campbell F.Br J Clin Pharmacol. 2011).

Con i dati fino ad allora pubblicati già si dimostrava l’efficacia dei cannabinoidi e la scarsità degli effetti collaterali. Dal 2011 ad ora si sono accumulate così tante evidenze che si è resa necessaria un’altra revisione. Questa è stata elaborata secondo le più rigide regole, non sì è tenuto conto di studi aperti o altro, ma solo studi randomizzati e controllati. Da un totale di 201 studi iniziali, ne sono rimasti undici. Ben undici studi RC in 4 anni (fino al 2014), su un totale notevole di 1185 pazienti. I cannabinoidi presi in considerazione erano il nabilone (analogo sintetico del THC, il più importante principio attivo della cannabis), il Sativex (spray estratto dalla canapa), un altro estratto di canapa, e cannabis vaporizzata e fumata (!).Risultati: la qualità degli studi era eccellente, è dimostrato un effetto analgesico significativo dal punto di vista statistico (come riportato nell’articolo, la riduzione del dolore era modesta, ma simile a tutti gli altri farmaci correntemente in uso), vari studi dimostrano un miglioramento di parametri secondari (es. sonno, contratture muscolari e spasticità), e gli effetti collaterali erano modesti e generalmente ben tollerati. Gli autori concludono: “Noi pensiamo che i cannabinoidi hanno dimostrato sufficiente potenziale analgesico da essere inclusi in serie discussioni riguardo le opzioni terapeutiche nel trattamento del dolore cronico”.

Leggi l'articolo completo.

Mantenere up-to-date con gli sviluppi politici droga iscrivendoti al IDPC mensile Alert.

Thumbnail Flickr CC Manuel M. Ramos