C’è grande attesa per la possibile apertura a Dublino del primo Medically Supervised Injecting Center (o MSIC, centro per il consumo con supervisione medica), una svolta fondamentale per migliorare i servizi di riduzione del rischio legato al consumo di droga nel paese.

Insite, Vancouver. Retrieved from the TalkingDrugs website

Dall’estate scorsa, l’Ana Liffey Drug Project (ALDP) sta lavorando in collaborazione con il Voluntary Assistance Scheme presso il Consiglio dell’ordine degli avvocati irlandese a un progetto legislativo che, emendando l’attuale legislazione, permetterebbe l’apertura del primo MSIC a Dublino. La legge irlandese in materia di droga, che si rifà al Misuse of Drugs Act del 1977, impedisce al momento l’introduzione in Irlanda di questo tipo di strutture.

Il Direttore dell’ALDP Tony Duffin, intervistato da TalkingDrugs per email, spera che il progetto di legge sia pronto per la fine di marzo, e afferma che l’organizzazione “si sta impegnando intensamente con le persone, compresi i politici, per quando riguarda la proposta di legge, e il clima [verso il MSIC] è sicuramente più positivo rispetto a qualche anno fa.”

I MSIC sono strutture sanitarie professionali che permettono a coloro che consumano droghe per via iniettiva di farlo in uno spazio sicuro e igienico. Il primo centro di consumo al mondo è stato aperto in Svizzera nel 1986. Da allora altri paesi hanno seguito l’esempio, tra cui i Paesi Bassi, la Spagna, il Canada, l’Australia e la Danimarca. Questi centri non solo aiutano a ridurre considerevolmente il tasso di trasmissione dell’AIDS e di altri virus tra i consumatori di droghe iniettive (o IDU) – basti pensare che tra il 1993 e il 2006 i nuovi casi registrati di AIDS tra gli IDU in Svizzera è sceso da 498 a 61 – ma eliminano quasi completamente il rischio di overdose fatale, come dimostra il MSIC di Vancouver in Canada (aperto nel 2003) dove non si è mai registrata una morte per overdose.

Leggi l'articolo completo.

Mantenere up-to-date con gli sviluppi politici droga iscrivendoti al IDPC mensile Alert