Un progetto di IDPC, in collaborazione col Dipartimento di Ricerca per la Sicurezza Internazionale di Chatham House e dell’Istituto Internazionale di Studi Strategici (International Institute for Strategic Studies)

La legislazione sulla droga ha tradizionalmente mirato a ridurre le dimensioni del mercato illecito di essa attraverso il tentativo di sradicarne la produzione, distribuzione e vendita al dettaglio, o almeno quello di reprimere queste attività, sì da rendere più difficile per i potenziali consumatori il venire in possesso di particolari droghe.

Queste strategie però non sono state capaci, in effetti, di ridurre la produzione o la domanda di droga nel mercato dei consumatori. Considerando questo dato di fatto e il panorama politico a più vasto raggio, dove diversi governi stanno abbandonando l’approccio di “guerra contro la droga”, appare chiaro che la legislazione sulla droga debba essere modificata per addattarsi alle nuove sfide – per affrontare il mercato della droga in un modo che riduca al minimo i danni per la comunità. L’idea che la legislazione sulla droga possa essere sfruttata per orientare in positivo il suo mercato, anziché totalmente sradicarlo, viene discussa e presa in considerazione in modo crescente.

L’obiettivo di questo progetto, guidato da IDPC, con la partecipazione del Dipartimento di Ricerca per la Sicurezza Internazionale di Chatham House e dell’Istituto Internazionale di Studi Strategici (International Institute for Strategic Studies), è, da una parte, di raccogliere e affinare materiale teorico e esempi concreti in supporto di un approccio nuovo alla legislazione sulla droga, dall’altra, di promuovere il dibattito tra leader nell’ambito legislativo ed esecutivo sulle implicazioni delle possibili strategie future.

Il progetto, in corso dall’Agosto 2012 al Novembre 2013, prevede:

  1. Una serie di pubblicazioni: queste pubblicazioni, rivolte ad esponenti del potere esecutivo e ufficiali delle forze dell’ordine di più avanzata esperienza, hanno lo scopo di fornire sia il sostrato per un cambiamento nell’approccio alla normativa sulla droga, sia esempi specifici di possibile miglioramento. Ci si prefigge dunque di pubblicare sei rapporti:
    • Come le forze dell’ordine possano promuovere strategie di riduzione del danno, orientate alla tutela della salute pubblica
    • Deterrenza mirata, traffico di droga e criminalità organizzata: concetti e strategie pratiche
    • Applicazione dei principi di riduzione del danno ai mercati di droga locali
    • Implicazioni pratiche della tolleranza del mercato della cannabis
    • Applicazione della normativa sulla droga, corruzione e criminalità finanziaria
    • Mercati della droga, sicurezza e aiuto straniero.
  2. Sviluppo del network: Si mira a stabilire dei meccanismi di cooperazione e distribuzione, allo scopo di raggiungere un’ampia audience tra esponenti del potere esecutivo, ufficiali delle forze dell’ordine e politici sia nel Regno Unito, sia all’estero.
  3. Serie di seminari: Co-organizzati da Chatham House e dall’Istituto Internazionale di Studi Strategici, questi seminari puntano a far incontrare esperti con esponenti del potere esecutivo e ufficiali delle forze dell’ordine di più avanzata esperienza.

Invitiamo chiunque desideri condividere rapporti su simili questioni ad inviarli alla Segreteria di IDPC a: contact@idpc.net.

Per maggiori informazioni, si vedano anche i siti dell’Istituto Internazionale di Studi Strategici [International Institute for Strategic Studies] e di Chatham House.